­

DOVE SI TROVA 
- E' Affluente di sinistra dell'Adige, il Fersina nasce dal Lago di Erdemolo al margine occidentale della catena dei Lagorai, scorre nella Valle dei Mocheni, lambisce la Valsugana e dopo un aver percorso una profonda e spettacolare forra, attraversa la città di Trento e sfocia nell'Adige. Il tratto in concessione all'APDT va dalla località Cantanghel, all'inizio della Valsugana, alla foce. È lungo circa 7 km ed ha una larghezza media di 6 m. Si sviluppa con una pendenza di 38 m/km ad un'altitudine media di 290 m s.l.m. (dai 390 m. s.l.m. in loc. Cantanghel ai 190 m. s.l.m. della foce).

VIE DI ACCESSO
Per accedere al tratto cittadino, dall'uscita autostradale di Trento centro, si attraversa la città seguendo la direzione Vicenza. Raggiunto il torrente al ponte Cavalleggeri d'Alessandria, vi si accede lungo le vie che percorrono gli argini sia a monte che a valle. È opportuno munirsi di una corda per discendere e risalire più agevolmente le scoscese arginature. Per il tratto più a monte, dall'uscita autostradale di Trento centro, si percorre la tangenziale e la SS della Valsugana in direzione Padova. Si svolta a sinistra al bivio di Cognola e si procede subito a destra per S. Donà. All'uscita del sobborgo di S. Donà si svolta a sinistra e si percorre il vecchio tracciato della statale della Valsugana fino a raggiungere la località Ponte Alto. Di lì si scende al fiume lungo una mulattiera e si pesca a risalire fino al confine della concessione.

AMBIENTE E PESCA
Il Fersina ha portata media di ca. 2 mc/s. Si può dividere il torrente in due tratti: il tratto che attraversa la parte orientale della città di Trento, caratterizzato da alveo con alti argini artificiali e con briglie di media altezza, ma con fondali naturali in ghiaia e ciottoli; il tratto più a monte, che solca una profonda gola ed è caratterizzato da una copiosa vegetazione ripariale. Nel tratto cittadino è ammessa la sola pesca con la mosca, secca o sommersa, ed il prelievo di salmonidi è limitato ad un solo esemplare di almeno 40 cm. Sono presenti numerose trote fario e qualche bell'esemplare di trota mormorata. Il tratto più a monte presenta buche piuttosto profonde, è quindi un habitat più adatto alla trota marmorata, ma non mancano comunque anche le trote fario e i barbi canini. Qui sono ammesse tutte le tecniche di pesca. Ottime la tecnica della passata e lo spinning.

Mappa

Foto

IN SINTESI

p020 0 00 03

p020 0 00 04

Telefoni utili

ico tel

Tel utili

­

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su “maggiori informazioni”. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su 'Si, acconsento' all’uso dei cookie