chi
siamo

L'Associazione

L’Associazione Pescatori Dilettanti Trentini nasce nel 1946 e su incarico della Provincia Autonoma di Trento, gestisce la concessione dei diritti esclusivi di pesca delle acque pubbliche in un vasto territorio che comprende: la Val d’Adige e Piana Rotaliana, nel tratto compreso fra la provincia di Bolzano e Rovereto; la Valle di Cembra; l’Altopiano di Pinè e il comprensorio di Terlago. La vastità e la diversità ambientale, i circa 300 km. di acque correnti di tutte le dimensioni e di una decina di laghi e laghetti, ospitano una grande varietà di pesci e sono in grado di soddisfare le aspettative dei pescatori più esigenti ma anche dei meno esperti.
L’A.P.D.T. ha sede a Trento, in via del Ponte n°2, dove ospita anche la Federazione dei Pescatori Trentini, della quale fa parte assieme ad altre 23 associazioni.

Organizzazione

Il consiglio Direttivo, i Revisori dei Conti, i Probiviri, i dipendenti, con l’indispensabile contributo dei numerosi volontari costituiscono la struttura portante dell’associazione. In particolare, il Consiglio Direttivo si compone dei consiglieri: Bruno Cagol Presidente; Giuseppe Urbani Vicepresidente; Marco Peterlongo Segretario e Cassiere; Marco Faes Responsabile del Centro Ittiogenico; Christian Tomasi Direttore della rivista IL PESCATORE TRENTINO; Mauro Finotti; Adriano Gardumi; Mattia Pilati; Massimo Trentin; Gianni Broll; Maurizio Avi; Antonio Banal; Mattia Sordo; Mirco Simeoni; Lorenzo Seneci; Stefano Brugnara; Sebastiano Bernardi.
I dipendenti sono: i guardiapesca Samuel Vicenzi, e Andrea Venturi e la segretaria Liciana Friz.

Attività

Sono molteplici le attività sia istituzionali che gestionali rivolte alla base sociale, all’ambiente, alla fauna ittica, all’allevamento, alle relazioni interne ed esterne, alla didattica e formazione giovanile, alla comunicazione ed editoria, all’amministrazione.
In particolare, negli ultimi anni l’A.P.D.T. ha notevolmente intensificato l’attività di controllo sia dei pescatori che dell’ambiente, grazie alla collaborazione di 15 guardiapesca volontari che si aggiungono ai due dipendenti ed ha sviluppato competenza e capacità propositiva verso le problematiche riguardanti la conservazione ed il miglioramento ambientale, la produzione di materiale ittico di pregio e le modalità di semina dello stesso.

Incubatoio

In località Altopiano della Vigolana APDT possiede un centro ittiogenico di recentissima costruzione, dove vengono prodotti circa 1.000.000 di uova /avannotti di marmorata, 400.000 di fario e da qualche anno è avviata una sperimentazione per la riproduzione in cattività del temolo padano. Per le sue caratteristiche, impianto svolge anche una funzione didattica e scientifica e previo appuntamento può essere visitato dagli interessati.
 

Il nostro statuto

Scarica il nostro statuto.
scarica statuto

Contributi pubblici

Riportiamo l'elenco dei contributi pubblici ricevuti dall'associazione nel corso dell'anno 2020
Riportiamo l'elenco dei contributi pubblici ricevuti dall'associazione nel corso dell'anno 2019

i nostri sponsor